Chloe McCardel

L’australiana Chloe McCardel ha attraversato il canele della Manica, che separa l’Inghilterra dal Continente Europeo, in 10 ore e 40 minuti.

L’impresa è rilevante sempre, ma tentarla è stato più arduo del solito, visto che ha richiesto un permesso speciale del Governo del Regno Unito per spostarsi durante la pandemia di COVID-19.

C’è però di più. Chloe ha realizzato la traversata numero 35 della Manica. Si tratta di un record, per quanto non assoluto. Chloe ha infatti superato il record maschile di traversate (apparteneva a Kevin Murphy, Inglese classe 1949, che ha compiuto la traversata 34 volte) ma davanti a lei c’è un’altra donna: Alison Streeter, Inglese classe 1964, che ha compiuto l’impresa ben 43 volte.

Per la cronaca, la prima donna ad attraversare la Manica a nuoto fu la statunitense Gertrude Ederle. Classe 1905, compì l’impresa nel 1926.

McCardel ha reso noto che intende utilizzare il suo record per aumentare la consapevolezza del problema della violenza domestica.

Intervista a Chloe McCardel (in Inglese)

MCCardel è nata a Melbourne il 10 maggio del 1985. Nella sua attività di nuotatrice in acque libere ha stabilito un singolare primato: la traversata più lunga della storia. Il 22 ottobre 2014 ha infatti nuotato per i 124.4 chilometri che separano la costa sud di Eleuthera da Nassau, che si trova sull’isola principale delle Bahamas.

Era il secondo tentativo di record della sua carriera. Il 12 giugno del 2013 McCardel aveva infatti tentato di attraversare lo Stretto della Florida per arrivare a Cuba. La traversata sarebbe dovuta durare tra le 55 e le 65 ore.

Assistita da 32 persone e senza la protezione di una gabbia anti squalo, dopo 11 ore McCardel si è però dovuta ritirare. Era stata infatti punta diverse volte dalle pericolose cubo-meduse e non poteva continuare a nuotare per il dolore.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.