Il tormentone Lidl non risparmia l'Italia

A luglio vi avevamo presentato le sneaker della Lidl come il tormentone dell’estate. Le scarpe erano andate a ruba, anche grazie al prezzo di 12.99 euro, prima in Germania, poi in Belgio e Inghilterra, quindi in Finlandia. Con l’autunno, il tormentone Lidl ha raggiunto l’Italia.

La mattina del 16 novembre, giorno del lancio nei punti vendita della catena, non si percepiva ancora la portata del tormentone Lidl. Il Corriere della Sera riportava di persone con fare indifferente in coda presso i supermercati prima dell’orario di apertura.

Con le porte dei negozi aperte, i clienti si sono letteralmente assembrati (evidentemente, incuranti delle raccomandazioni anti COVID-19) di fronte ai contenitori delle scarpe, disponibili nelle taglie dal 37 al 40 per le donne e dal 41 al 46 per gli uomini.

Il tormentone Lidl non riguarda comunque solo le scarpe. La collezione consta anche di ciabatte, calzini e magliette.

Attorno alle 13 l’azienda ha confermato alla stampa che la collezione è andata esaurita in tutta Italia. E il dato ci consente davvero di parlare di tormentone Lidl. I punti vendita nel nostro Paese sono ben 660, distribuite in tutte le Regioni a parte la Basilicata.

Non sono mancati momenti di tensione e proteste social. Come quella di una utente che lamentava l’imposizione al numero di articoli acquistabili.

Non si sa se il tormentone Lidl avrà una seconda puntata. L’azienda ha fatto sapere che “Come tutti i nostri articoli, anche questi erano in edizione limitata. Non sappiamo quindi dire se e quando torneranno mai disponibili”.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.