percorso maratona tokyo

Il Giappone è il Paese al mondo che ha più maratoneti. Almeno, quello che ne ha di più tra quelli capaci di arrivare al traguardo. Il Giappone è anche la Nazione che ospiterà le prossime Olimpiadi. Ma a Tokyo 2020 in vista della maratona c’è parecchia preoccupazione.

La maratona passerà attraverso il cuore di Tokyo. E il problema è che le Olimpiadi sono in calendario ad agosto. Negli ultimi 2 anni le temperature massime del mese di agosto nella metropoli sono raramente scese sotto i 35 gradi. Ma c’è di peggio ed è la percentuale di umidità, che varia tra l’80 e il 90%.

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) sta discutendo con gli organizzatori un problema che rischia di essere di portata epocale. Naturalmente, la preoccupazione maggiore è per i concorrenti, che saranno chiamati a percorrere i 42 chilometri abbondanti in condizioni che prefigurano grossi rischi di disidratazione. Ma c’è un giusto allarme anche per la salute di coloro che decideranno di seguire la corsa da spettatori.

La soluzione che il Presidente del CIO Thomas Bach sta discutendo con il Comitato Organizzatore è quella di anticipare l’orario di partenza. Dopo aver ipotizzato di dare il via alle 7.30, ora si sta accarezzando l’ipotesi di dare il via addirittura alle 5 della mattina.

Probabilmente, l’idea migliore è quella venuta a Brett Larner del blog Runner’s World: correre alla sera tardi. Ma il problema diventerebbe la concorrenza con le altre gare già in calendario alla sera. Perchè anche la salute…degli ascolti televisivi va tutelata.

Per la cronaca, l’affollatissima (38.000 partecipanti) Maratona di Tokyo si corre a febbraio.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.