test dna

Sottoporsi a un test del DNA può aiutare un atleta? Soprattutto, è morale chiedere a un atleta di sottoporsi al test?

Nel corso delle partite di calcio internazionale di questa settimana ben 2 giocatori (Pezzella dell’Argentina e Biraghi dell’Italia) hanno dedicato i gol che hanno segnato a Davide Astori, lo sfortunato capitano della Fiorentina morto nel sonno ad appena 31 anni lo scorso mese di marzo.
Purtroppo, Astori non è stato il primo atleta a morire all’improvviso. Anzi, è vero esattamente il contrario: una ricerca realizzata negli USA dalla Mayo Clinic (fondata a Rochester, Minnesota, a fine 1800, oggi opera anche in Florida e Arizona) dice che la principale causa di morte nei giovani atleti è proprio l’arresto cardiaco.
La conclusione dei ricercatori della Mayo è che le conoscenze e la tecnologia di oggi potrebbero aiutare ad evitare molte di queste morti.

Dopo il gol alla Polonia, Biraghi indica con le mani il numero 13 che fu di Davide Astori

Ci sono dispositivi da indossare che già regolarmente vengono usati per valutare i tempi di recupero degli atleti e ridurre i rischi di infortuni. La possibilità di incrociare i dati che vengono forniti da questa tecnologia con i test del DNA consentirebbe di ottenere risultati anche migliori.

Non tutti gli atleti sono però disposti a sottoporsi a un test del DNA. Sempre dagli Stati Uniti ci proviene un esempio in questo senso.
Nella stagione 2004-2005 della NBA  Eddy Curry aveva perso diverse gare dopo aver accusato un malore in campo. A successivi accertamente, risultò un battito irregolare. Quando i Bulls di Chicago, per cui giocava, chiesero a Curry di sottoporsi a un test del DNA per valutare se era predisposto a una malattia cardiaca grave, il giocatore si appellò alla difesa della privacy.

Curry cambiò squadra ma non abbandonò il basket. In effetti gioco altre 212 partite a livello di NBA e si ritirò solo nel 2012.
Oggi il contratto collettivo di lavoro dei giocatori NBA vieta espressamente ai club di richiedere agli atleti di sottoporsi al test del DNA. Non è escluso che i rappresentanti dei giocatori possano cedere a fronte del miglioramento dei minimi salariali.

In attesa che il dilemma etico venga risolto, sorgono realtà come Athletic Genetix. Si rivolgono a tutti i tipi di atleti, anche a quelli della domenica, con questo tipo di slogan: “la strada verso il successo passa per un programma che calzi perfettamente con le caratteristiche del tuo corpo”.

Per la cronaca, un test del DNA basato sull’analisi della saliva lo si può acquistare via internet per appena 249 dollari.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.