Al termine dei Giochi di Rio de Janeiro è stata varata una lista degli sport olimpici più strani.

L’incontestabile riconoscimento di sport più assurdo spetta al salto in lungo con cavalli. Si era a Parigi nel 1900, in un inizio secolo in cui l’uomo era ritenuto onnipotente o quasi. Ma certo, nessun uomo è in gradi di vincere una gara di salto in lungo con un cavallo. Infatti lo sport è stato rimosso subito dopo.
Nel 1912 a Stoccolma si provò con il duello con pistole. In verità, l’uomo gareggiava contro un manichino. La disciplina non ebbe una seconda chance.

Anticamente, tra gli sport strani sono segnalati la risalita dalla corda (1896 ad Atene), il tiro al piccione (Parigi 1900), il roque, una variante americana del croquet (St. Louis 1904), il jeu de paume, praticamente un tennis giocato con il palmo della mano (1908 a Londra).
Più recentemente (1936 a Berlino) venne tentato l’inserimento di una disciplina chiamata kabaddi (foto di copertina), che ancora oggi si pratica in India, dove esiste una lega professionistica. In pratica: una squadra crea una specie di parete umana e i componenti dell’altra squadra cercano di aprire un varco scagliandocisi contro.

La lista dei 10 sport più strani contiene anche il nuoto sincronizzato da soli (Barcellona 1992) e anche 2 discipline che non è corretto definire strane (sci nautico a Monaco di Baviera 1972 e hockey a rotelle (Barcellona 1992), ma che hanno subito l’onta di apparire nel programma dei Giochi solo una volta.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.