Riku Riski escluso dalla Finlandia

Sabato 23 marzo a Udine la Finlandia ha avuto pochissime occasioni per far gol contro l’Italia. D’altra parte, nella prima gara di qualificazione all’Europeo 2020 di calcio, si affrontavano 2 Paesi con una storia calcistica agli antipodi. E il valore delle 2 rose non può essere nemmeno paragonato. Il centravanti Teemu Pukki (la stella: gioca in Serie B in Inghilterra) si sarebbe comunque sentito meno solo se avesse avuto al suo fianco Riku Riski.

Classe 1989, Riski è un professionista stagionato. Dopo aver debuttato da professionista in Finlandia per il Turun Palloseura ad appena 17 anni, ha giocato in Polonia, Svezia, Norvegia e Scozia. Poi è tornato in Patria all’HJK Helsinki. Vanta anche 26 presenze e 4 reti in Nazionale. Ma sabato a Udine non c’era. E facilmente la maglia della Finlandia non la vestirà più.

A gennaio Riski era stato convocato per un’amichevole contro la Svezia da giocarsi in Qatar. Quando il Commissario Tecnico Markku Kanerva gli ha chiesto la disponibilità, Riku gli ha risposto che i “suoi valori” e la “sua etica” gli impedivano di giocare in Qatar.

Riku Riski si è rifiutato di giocare in Qatar
Il cantiere per la costruzione dello stadio di Lusail (Valery SharifulinTass)

A Riski era capitato in mano il rapporto che Amnesty International aveva pubblicato nel settembre del 2018 e che accusava l’azienda Mercury Mena di sfruttamento dei lavoratori. Stando ad Amnesty International, Mercury Mena ha ingaggiato per costruire lo stadio di Lusail (sede dell’apertura e della finale del Mondiale 2022) lavoratori provenienti da Nepal, India e Filippine. Utilizzando il kafala system, Mercury impediva di fatto ai lavoratori di andarsene. Il sistema, in vigore in vari Paesi del Medio Oriente, prevede che uno sponsor (quasi sempre il datore di lavoro) sia responsabile del visto e del permesso di soggiorno del lavoratore.
Come se non bastasse, Mercury Mena costringeva gli immigrati a condizioni di vita spaventose a causa di ritardi nei pagamenti.

“Io rispetto la posizione di Riku” ha detto Kanerva “Ma devo tutelare anche i giocatori che sono venuti in Qatar e si sono impegnati per conquistare il posto in squadra”.

Il Presidente della Federazione calcio della Finlandia Ari Lahti ha chiesto un incontro al Presidente della Federazione del Qatar Sceicco Ahmed Al Thani al fine di chiarire che la Finlandia non accetta che vengano meno i diritti dei lavoratori.

Nonostante tutti siano d’accordo sulla sua posizione, Riku Riski a Udine non c’era.

Riku Riski in gol

Articolo correlato: IN PERICOLO IL MONDIALE IN QATAR?

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.