guimard e fabbri pattinaggio artistico

Il pattinaggio artistico italiano non potrà probabilmente più contare sui risultati della sua stella Carolina Kostner. E ha perso coppie del valore di Anna CappelliniLuca Lanotte e Valentina MarcheiOndrej Hotarek. Ma l’inizio della stagione ha detto che il futuro è roseo.

A ottobre, con l’inizio del Grand Prix organizzato dalla ISU (International Skating Union), sono arrivati risultati brillanti e sorprendenti da Skate America. Charlene Guignard e Marco Fabbri (foto di copertina) hanno ottenuto il secondo posto nella danza e Matteo Rizzo si è piazzato quarto nel programma libero.

Charlene Guignard è nata a Brest (Francia) nel 1989 e vive in Italia dal 2010. All’Agora Skating Team di Milano ha conosciuto Marco Fabbri (milanese, classe 1988), che è il suo compagno anche nella vita. Naturalizzata italiana, ha iniziato a gareggiare in coppia con Fabbri sotto la guida degli allenatori Barbara Fusar Poli, ex campionessa mondiale ed europea e medaglia di bronzo alle Olimpiadi del 2002 in coppia con Maurizio Margaglio, e Igor Shpilband.

Matteo Rizzo, nato a Roma nel 1998, è un figlio d’arte. I genitori lo hanno infatti introdotto al pattinaggio artistico all’età di 5 anni. Ha definito “un orgoglio” partecipare alle ultime Olimpiadi invernali, nelle quali si è piazzato ventunesimo. In questa stagione ha conquistato la medaglia di bronzo al Mondiale Juniores.

matteo rizzo pattinaggio artistico
Matteo Rizzo (foto Barbieri-fisg.it)

A Skate America Guignard e Fabbri hanno brillato con il tango nella rythm dance e con La La Land nel programma libero. Meglio di loro hanno fatto solo gli statunitensi Madison HubbellZachary Donohue, argento mondiale in carica.

Andare sul podio in una gara del Grand Prix non è da tutti. Nella storia azzurra l’impresa era riuscita solo a coppie del livello di Fusar PoliMargaglio, FaiellaScali e CappelliniLanotte.
Guignard e Fabbri si sono ripetuti nella tappa di Helsinki, Finlandia. Questa volta meglio di loro ha fatto la coppia russa formata da Alexandra Stepanova e Ivan Bukin.

Nella scorsa stagione Guignard e Fabbri si sono piazzati quinti agli Europei, noni ai Mondiali e decimi alle Olimpiadi. Sono risultati di valore. Ma questa coppia sembra ora destinata a ben altro.
Interrogati al proposito dalla Gazzetta dello Sport, Charlene e Marco hanno voluto sottolineare che, al momento, sono solo concentrati sul “lavorare al meglio”.

Il Grand Prix prevede ancora 2 tappe (la Rostelecom Cup di Mosca, Russia, e gli Internationaux di Grenoble, Francia) prima della finale di Vancouver (Canada) che inizia il 6 dicembre. Con ogni probabilità, Guignard e Fabbri saranno tra i protagonisti.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.