Burke Masters

Padre Burke Masters è il Cappellano dei Cubs di Chicago, una gloriosa squadra di baseball delle Major Leagues americane. Anche chi non ha particolare interesse per questo sport, avrà sentito nominare i Cubs per una sorta di maledizione che avrebbe impedito alla squadra di vincere per oltre un secolo. Addirittura, nel film Ritorno al Futuro era stata prevista la fine della maledizione (iniziata dopo la vittoria del 1908) con la stagione 2015. I Cubs in realtà dovettero attendere un altro anno e vinsero nel 2016.

Padre Masters è un Prete Cattolico. Joe Maddon, l’allenatore che ha guidato la squadra alla storica vittoria nel 2016, è di origine italiana e Cattolico praticante. Entrambi collaborano con Catholic Athletes for Christ (CAC).
Quando i Cubs giocano in casa, Padre Masters celebra la Messa allo stadio.
“Non ci trovo nulla di straordinario” ha detto “Il mio è un Ministero come un altro. Solo, che la mia Parrocchia è in uno stadio da baseball”.

Il legame con i giocatori e i tecnici dei Cubs è aiutato da fatto che Masters è stato un giocatore di buon livello. All’Università addirittura è stato protagonista di un episodio rimasto nella storia. Giocava per la Mississippi State University e colpì un fuoricampo da 4 punti contro Florida State University decisivo per qualificare i suoi alle finali (negli USA, chiamate College World Series) del 1990. Per la cronaca, Masters e i suoi vennero eliminati da Stanford.

Nato nel 1966, Masters firmò al termine della stagione un contratto da professionista per i White Sox di Chicago. Ma non emerse mai dalle Leghe Minori. Tornò all’Università e si laureò in Amministrazione dello Sport. Poi iniziò a lavorare come responsabile della biglietteria di una squadra di Lega Minore dell’area di Chicago. Nel 1997 sentì in modo chiaro la vocazione.

La sua Fede Cattolica era arrivata abbastanza tardi. Per avere maggiori possibilità di fare carriera nel baseball, Burke si era trasferito a una scuola Cattolica l’ultimo anno delle superiori. E fu a quel punto che scoprì Gesù Cristo.
In una intervista ha addirittura raccontato che il suo famoso fuoricampo del 1990 fu aiutato da una voce soprannaturale, che gli disse su quale lancio girare la mazza.

Padre Burke entrò in Seminario a 31 anni e venne ordinato Prete nel 2002.
“Ho sempre pensato che avrei avuto una famiglia, ma una volta in Seminario ho capito che quella era la mia vita. Non voglio fare altro che portare le persone a Gesù”.

Padre Burke qualcosa di diverso per la verità lo fa. Scende regolarmente in campo durante gli allenamenti dei Cubs. La prima volta che lo fece, nel 2016, tutti giurano che avesse le lacrime agli occhi.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.