Che gli organizzatori di un evento che si svolge regolarmente collaborino con gli organizzatori che raccoglieranno il testimone per l’edizione successiva può apparire logico. Non lo era tanto per gli organizzatori delle Olimpiadi. Però sembra che tutto stia per cambiare.

Tokyo 2020 e Parigi 2024 hanno emesso una nota congiunta attraverso la quale confermano di aver raggiunto un accordo per ottimizzare l’organizzazione di Olimpiadi e Paralimpiadi. Il documento di intenti è stato sigliato durante la visita a Tokyo della Coordination Commission del CIO, Comitato Olimpico Internazionale.

Si legge che lo scopo dell’accordo è quello di “ottimizzare la preparazione dei Giochi, condividendo informazioni e realizzando promozioni incrociate dei rispettivi eventi”. I Comitati Organizzatori collaboreranno anche nella formazione del personale, nel reclutamento dei volontari e nella pianificazione delle cerimonie. Ognuno dei Comitati metterà a disposizione dell’altro le proprie competenze specifiche. Per fare un esempio, Parigi 2024 supporterà Tokyo 2020 con le comunicazioni in Francese, una delle lingue ufficiali del CIO.
Entrambi i comitati garantiscono che ogni punto dell’accordo è allineato con i valori olimpici.

Le Olimpiadi della collaborazione: parlano i Comitati

Secondo Etienne Thobois, CEO di Parigi 2024: “Questo accordo rappresenta l’inizio di una nuova era, nell’ambito della collaborazione tra le città che opsitano i Giochi. Noi come Parigi 2024 siamo orgogliosi di contribuire alla nascita di una serie di edizioni delle Olimpiadi che siano più sostenibili e utili“.
Gli ha fatto eco il suo corrispondente di Tokyo 2024, Toshiro Muto: “Potremo collaborare in diversi settori e penso che entrambi i Comitati beneficeranno delle sinergie che si andranno a creare. Ci sono solo vincitori in questo gioco, visto che si creerà un effetto leva per le rispettive competenze”.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.