Il modello Adapt di Nike

Nike è giunta alla conclusione che la taglia perfetta per la scarpa non esiste. La soluzione è dunque la piattaforma Adapt, che è basata su una app che, tramite uno smartphone, aggiorna in continuazione i dati che servono al sistema di power lacing (autoallacciante).

Il primo sport che ha testato le nuove Nike Adapt è il basket. La multinazionale ha selezionato Jayson Tatum dei Boston Celtics per testarle.

Stando agli studi resi pubblici da Nike, nel corso di una partita di basket il piede si può espandere anche di mezza taglia. Va da sè che una scarpa che calza perfettamente prima della partita può diventare scomoda in corso d’opera.

“Abbiamo scelto il basket perché per questi atleti la scarpa ha un’importanza fondamentale” ha spiegato attraverso il sito ufficiale il Direttore dell’Innovazione Nike Eric Avar “Il fatto che questa scarpa si adatterà al piede, migliorerà di molto l’esperienza dell’atleta”.

Nike Adapt, tramite un sistema denominato FitAdapt, sente la tensione di cui ha bisogno il piede e adatta la forma della scarpa tramite un sistema autoallacciante che si trova sotto il piede.

Le prime scarpe dotate di power lacing Nike le ha messe sul mercato nel 2016. Si tratta delle Hyper Adapt 1.0 che , per la cronaca, sono in vendita ancora oggi a oltre 700 euro.
Le nuove scarpe Adapt saranno disponibili a partire da metà febbraio. Stando alle prime indiscrezioni, il costo dovrebbe essere attorno ai 300 euro. Ma non ci sono ancora informazioni ufficiali su dove saranno disponibili.

Il piano di Nike è estendere l’uso di FitAdapt ad altri sport e rendere poi disponibile la tecnologia per le calzature da riposo.

 

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.