Oggi ci spingiamo alla Settimana della Moda. Ci sono infatti novità che riguardano un capo d’abbigliamento sportivo che è stato una vera e propria icona del fashion abbinato allo sport: il piumino Moncler.

 

In occasione della presentazione di 8 collezioni uomo e donna per il prossimo autunno/inverno, il Presidente e Direttore Creativo Remo Ruffini ha annunciato che Moncler abbandona l’approccio tradizionale delle sfilate ogni 6 mesi. Cerca infatti un dialogo diretto con il consumatore e avvicina i tempi di lancio dei nuovi prodotti. Allo stesso tempo, rifiuta il mantra see now buy now, ovvero la possibilità per i consumatori di acquistare (on line o nei flagship store) i capi appena presentati.

“Il concetto di sfilata per noi non esiste più, così come l‘idea di farla arrivare nei negozi 6 mesi dopo. Passiamo da un progetto semestrale a progetti editoriali in media mensili. Non potevamo fare a meno di cambiare strategia in questa nuova era digitale” ha spiegato Ruffini all’agenzia Reuters.

Questo ragionamento porta alla scelta di far interpretare lo spirito del marchio a 8 diversi designer. Le relative collezioni saranno nei negozi una alla volta, a partire da giugno. Il progetto è stato chiamato Moncler Genius Building.

“Questo” ha aggiunto Ruffini “Non significa una rincorsa verso la disponibilità immediata dei prodotti fin dalla loro presentazione. Al see now buy now, non ci credo. Procederemo con progetti editoriali con ritmo variabile, secondo necessità. Dobbiamo lavorare con diverse strategie dialogando con le diverse generazioni che comprano i nostri piumini”.

Remo Ruffini

Moncler: un marchio italiano

Moncler non è ovviamente solo fashion. Negli anni ’50 del secolo scorso erano vestiti Moncler gli alpinisti italiani che per primi salirono in vetta al K2. Recentemente è stato fornitore ufficiale del settore pattinaggio alta velocità della Federazione Italiana Sport del Ghiaccio.
Dalla stagione 2016-2017 l’azienda veste oltre 1.300 istruttori di alcune delle più celebri scuole di sci del mondo: Sankt Moritz, Crans Montana, Kitzbuehl tra queste.

Fondata per produrre sacchi a pelo nel 1952 dall’artigiano René Ramillon a Monestier de Clermont (dalle prime lettere delle 2 parole deriva il nome), vicino a Grenoble in Francia, Moncler ha prodotto i primi piumini nel 1954. Dal 1992 l’azienda è un marchio italiano.

Nel 2014 Moncler si dovette difendere da un pesante attacco subito da un servizio realizzato dalla trasmissione RAI Report su presunte crudeltà nei confronti delle oche durante la realizzazione dei piumini.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.