Jim Watkins

Forse vi verrà il sospetto che stiamo cercando di lanciare un nuovo genere. Ci corre in ogni caso l’obbligo di registrare un altro incidente occorso durante la pratica sportiva e provocato da un animale selvatico. Un ciclista di nome Jim Watkins è stato morso da un serpente a sonagli mentre percorreva in bicicletta il sentiero Apache Wash a nord di Phoenix, Arizona (USA).

Affrontando una salita Watkins, che per l’occasione pedalava su una bicicletta nuova, ha perso l’equilibrio. Ha cercato di liberarsi dai lacci che fissavano i suoi piedi ai pedali. Ma non ha potuto evitare di cadere e di finire in un cespuglio. Per sua sfortuna, un serpente a sonagli aveva scelto il cespuglio come nascondiglio.

Watkins ha detto di aver sentito una puntura “come del pungiglione di un’ape” e di aver pensato che gli fosse andata bene. Certo, il serpente faceva parecchio rumore (non a caso, si chiama a sonagli…) agitando la coda.

Watkins è riuscito a pedalare per circa 30 minuti e risalire all’inizio del sentiero. Preso contatto con il numero verde di assistenza (Poison Control), ha cercato di rassicurare i sanitari al telefono. Che però lo hanno convinto a ricoverarsi.

La scelta si è rivelata saggia. Arrivato all’ospedale, Watkins (che ha 75 anni) ha iniziato a sentire dolore alla gamba offesa. Il ricovero è durato 2 giorni e 2 notti e i medici, prima di dichiararlo fuori pericolo, gli hanno iniettato 14 fiale di antidoto.

Watkins va da 25 anni lungo i sentieri in mountain bike e ha dichiarato di aver visto non meno di 10 serpenti a sonagli. Mai così da vicino, comunque. Dopo l’incidente, ha scoperto che il sentiero che stava percorrendo è intitolato proprio al sidewinder, il crotalo cerastre. Si tratta del tipo di serpente a sonagli che lo ha morso.

il crotalo che ha morso Jim Watkins

Articoli correlati

Il runner e il puma

Attacco fatale di un ippopotamo

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.