Andreas Krieger era nato Heidi

Vi abbiamo parlato nei giorni scorsi di Caster Semenya, la Sudafricana campionessa olimpica che non potrà più gareggiare negli 800 metri perché iperandrogena. Con questo articolo vi vogliamo ricordare invece la vicenda di Heidi Krieger. Che oggi si chiama Andreas.

Nata nel 1966 a Berlino Est, Heidi Krieger si iscrisse a 14 anni alla scuola per giovani atleti della Dynamo Sports Club. L’Istituto era sponsorizzato dalla Stasi, la principale organizzazione di sicurezza e spionaggio della Germania Est. Nel 1986 Heidi vinse la gara di getto del peso all’Europeo di Stoccarda con la notevole misura di 21.10 metri.

La sua carriera fu relativamente breve. Krieger si ritirò nel 1991. Quando annunciò pubblicamente la sua decisione, molti osservatori non poterono fare a meno di notare la sua voce profonda, innaturale per una donna.
Non c’era nessun mistero. I documenti resi pubblici dopo la caduta del Muro di Berlino chiarivano che Heidi era stata sottoposta a dosi massicce di Oral-Turinabol, uno steroide androgeno anabolizzante prodotto dalla JenaPharm, azienda di Stato della Germania Est.
Si tratta di un farmaco impossibile da rilevare nei controlli antidoping, a patto che l’atleta interrompa l’assunzione 5 giorni prima del test.
Chi impose il Turinabol a Krieger scordò di spiegarle che, come si legge sul foglio illustrativo del farmaco: “Le donne che utilizzano questo prodotto possono rischiare la virilizzazione, soprattutto se il dosaggio è elevato e viene usato troppo a lungo”.

Nel 1997 Heidi Krieger si sottopose all’operazione per il cambio di sesso. Con la nuova identità, assunse come detto il nome di Andreas.
Nel 2002 Andreas Krieger si è sposato con Ute Krause. Di 6 anni più anziana, Ute vinse 3 medaglie d’oro Olimpiche nel nuoto a Mosca nel 1980: nei 100, 200 e nella 4×100 stile libero.
A sua volta assunse, senza saperlo, l’Oral Turinabol. Si rese conto di essere stata dopata in seguito a una serie di accertamenti fatti dopo il parto. Il figlio, avuto dal primo marito Lutz Wanja (a sua volta una stella del nuoto), era nato con i piedi malformati.

Andreas Krieger: la sua storia è un documentario

Se si osserva la progressione dei record del mondo nel getto del peso, il primato (della russa Lisovskaja) è 22.63 e resiste dal 1987, si noterà come dal 1948 a stabilire i primati siano state solo atlete dell’Unione Sovietica o di Paesi facenti parte dell’area di influenza dell’URSS.

Caster Semenya e il suo caso meritano dunque un distinguo. Lo riprendiamo dal nostro profilo Facebook

Le differenze tra i casi di Heidi Krieger e Caster Semenya

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.