Immaginatevi a 8848 metri con questo peso sulle spalle

Non è passato molto tempo da quando vi descrivevamo come invivibile la situazione sulla vetta dell’Everest. Salire a 8848 metri una volta era considerata un’impresa proibitiva. Nel terzo millenio pareva invece diventata una gita alla portata di chiunque avesse il portafogli abbastanza gonfio. Una spedizione sull’Everest può infatti arrivare a costare fino a 30.000 euro.

Per salire in vetta, naturalmente, non è il conto in banca a contare di più. Fondamentale è la condizione fisica necessaria per spingere il nostro corpo fino agli estremi.
Fare sforzo a 8848 metri non è in effetti per tutti. E il nostro articolo evidenziava come l’Everest fosse diventato un cimitero di corpi assiderati.
A 8848 metri si trovo ormai anche quella che è a tutti gli effetti una discarica di tende, corde e bottigliette di plastica.

Il governo del Nepal ha chiuso le vie verso la vetta a causa dell’epidemia di COVID-19.
Dal punto di vista dell’ambiente, quel che sta succedendo è paradossalmente positivo. Ma dal punto di vista dell’economia dei villaggi alle pendici della vetta si tratta di un vero e proprio disastro.

Il blocco ha infatti lasciato disoccupati decine di sherpa (le richiestissime guide), ma anche portatori, cuochi, aiutanti e tutta la forza lavoro che serve a chi desidera arrivare ai famosi 8848 metri.

I più fortunati tra gli sherpa, che guadagnano cifre che non superano comunque i 15.000 euro l’anno, sono a libro paga degli organizzatori e continuano a ricevere lo stipendio. Ma chi offre manovalanza di profilo più basso, normalmente viene ingaggiato di spedizione in spedizione.

Fare il portatore per salire agli 8848 metri dell’Everest è un lavoro estremamente faticoso. I carichi sono misurati in load. Uno yak ne sopporta fino a 2. A un portatore viene richiesto di caricarsi fino a 4 load.

C’è di più: il governo del Nepal non ritiene di utilizzare questo momento di calma forzata per salire agli 8848 metri della montagna più alta del mondo per effettuare una pulizia che a molti appare necessaria. Per farlo mancano le risorse.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.