A Chongqing, nella Cina occidentale, è nato il primo stadio specificamente creato per ospitare gli e-sport. Si trova sulla riva del fiume Yangtze e ospita 7.000 posti a sedere.

L’esterno dello stadio è organizzato con un sistema di pareti trasparenti, tutte ricoperte di schermi LCD. Il risultato è che ci sono intere parti dell’edificio che si possono trasformare in enormi schermi e consentire la visione anche a chi sta all’esterno.
Fino a 13.000 persone si possono accomodare sulle ali che si estendono dai lati dell’edificio.

“Ho cercato un disegno che rappresentasse l’inverso del simbolo yin-yang (il nero e il bianco della filosofia cinese, n.d.r.)” ha detto l’architetto Barrie Ho, l’ideatore del progetto “E che riflettesse l’energia che si sprigiona a questi eventi”.
Barrie Ho ha aggiunto: “Non dovete pensare che gli e-sport siano qualcosa che riguarda 2 persone che si cimentano in un video game. Si tratta di molto di più. Il luogo che ospita l’evento diventa un parco divertimenti”.

Lo stadio di Chongqing e la seconda fase

In una intervista al South China Morning Post l’architetto ha inoltre puntualizzato che, al momento, ci sono più persone che guardano on line gli eventi di e-sports rispetto a quelle che si collegano per seguire l’NBA.
Il quotidiano ha supportato la sua tesi pubblicando il risultato di una indagine condotta da NewZoo, una società di analisi di mercato, che prevede che nel 2018 saranno 420 milioni di persone a seguire gli e-sport on line.

In una seconda fase, attorno allo stadio di Chongqing nasceranno un hotel e un centro per accogliere le promesse degli e-sport e aiutarli a diventare campioni.

Articoli correlati

I VIDEO GAME SONO SPORT?

LEGHE PROFESSIONISTICHE ed E-SPORTS

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.