Hannah Mouncey

Callum Mouncey, classe 1989, vanta 22 presenze nella Nazionale australiana di pallamano. Ha debuttato nel 2012 al Campionato Continentale dell’Oceania ed è stato confermato al Mondiale 2013. Mentre era con la Nazionale in Qatar per il torneo qualificatorio alle Olimpiadi di Rio ha preso una decisione: avrebbe cambiato sesso.

Nel novembre del 2015 Mouncey ha iniziato la terapia ormonale. Dal maggio del 2016 la sua identità è diventata pubblicamente femminile con il nome di Hannah.

Tra le cose a cui Hannah Mouncey non voleva rinunciare con la sua nuova identità c’era la pallamano. Visto che i suoi livelli di testosterone erano più bassi dei limiti imposti dalle regole, ha chiesto di partecipare alle competizioni femminili. Gli è stato fatto notare che, da regolamento, doveva seguire i previsti 12 mesi di terapia ormonale.

La carriera di Hannah nella pallamano femminile è iniziata nel maggio 2018 al Campionato Asiatico. Mouncey ha segnato 23 gol in 6 partite e l’Australia si è piazzata quinta.

Guardate Hannah Mouncey in azione

Il quinto posto garantiva all’Australia la qualificazione ai Mondiali che sono iniziati il 30 novembre a Kumamoto in Giappone. Hannah però non è stata convocata per la manifestazione.

Come riporta il Corriere della Sera, Hannah Mouncey ha accusato le sue compagne: “Non mi volevano in spogliatoio, non volevano che usassi le loro docce. La selezionatrice ha detto di non avermi chiamato perché non ero in forma, ma sono state le altre giocatrici a ottenere la mia esclusione”.

Stando alla Federazione Australiana, la questione spogliatoio non c’entra.
“I motivi dell’esclusione restano confidenziali, ma sono tecnici” ha detto Bronwyn Thompson, Segretaria Generale “A suo tempo scrivemmo ad Hannah per chiarire la questione, ma lei non ha risposto e non ha nemmeno fatto ricorso nei 30 giorni previsti dal regolamento”.

Mouncey sostiene di non aver avuto idea della possibilità del ricorso.
Al Mondiale l’Australia ha iniziato con 3 sonore sconfitte: 37-12 contro la Danimarca, 34-8 contro la Germania e 34-17 contro la Corea.

Hannah Mouncey, che è alta quasi 1.90, aveva anche tentato di giocare a football australiano, ma aveva poi rinunciato dopo qualche apparizione nella stagione 2018 per i Darebin Falcons.

Articoli correlati:

Stop alle atlete iperandrogene

La tutela delle donne nello sport

 

Iscriviti alla newsletter

Riceverai gli aggiornamenti sugli eventi della tua zona!
ISCRIVITI!
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.